,

Arabia Felix | T. Hansen

perchè l'Arabia Felix è un luogo felice? la felicità si trova davvero in un luogo? e mentre la spedizione danese cercherà risposte scientifiche, indagheranno anche sulla felicità.
, ,

Chiederò perdono ai sogni | S. Chalandon

Chiederò perdono ai sogni è un romanzo potente che ti si attacca addosso come una seconda pelle. Non si resta indifferenti davanti alle sofferenze di un popolo che chiedeva la sua libertà.
, ,

La quarta parete | S. Chalandon

Mettere in scena l'Antigone di Anohuil a Beirut per fermare la guerra e unire tutte le fazioni solo per dure ore. Ma la guerra non arriva in punta di piedi.
, ,

Nessuna complicazione sentimentale | M. Locatelli

Con un linguaggio che scorre fluido come un sorso di barolo accompagnato da una dose sapiente di ironia, Mara Locatelli, ci dà un assaggio della realtà così com’è: imprevedibile e burrascosa. Un libro che con leggerezza ci invita a riflettere su ciò che davvero conta.
, ,

La forma del silenzio | S. Corbetta

Leo ha sei anni quando scompare, lasciando un profondo silenzio dietro di sé. Ma che forma ha il silenzio?
, ,

Resto qui | Marco Balzano

RESTO QUI è una scelta consapevole e coraggiosa di aggrapparsi con forza alle proprie radici. Un memento per chi, in silenzio, ha guardato da un’altra parte e si è inginocchiato ai giochi di potere.
, ,

Viaggio in Portogallo | José Saramago

Chiunque creda di trovare in queste pagine una semplice guida, commetterebbe un errore. Saramago, infatti, ci porta con sé nel suo personale viaggio in terra natìa. Un viaggio fuori e dentro di sé
, ,

I pesci non hanno gambe | Jon Kalman Stefansson

Questo libro scava nell'oscurità dell'Islanda per ricordarci l'arte e quella vita troppo breve e incerta per distogliere lo sguardo.
, ,

Perché il bambino cuoce nella polenta | Aglaja Veteranyi

Aglaja Veteranyi ci racconta una storia intima e magica col candore di un bambino
,

Follie di Brooklyn | Paul Auster

Una penna ironica. Un gioco di parole e stile scorrevole. Una trama semplice ma vera. << Mai sottovalutare il potere dei libri>>