, ,

Storia di Ásta

“Per questo la vita è incomprensibile. È dolore. È tragedia. È la forza che ci fa risplendere”.
,

Il cardellino | Recensione

Romanzo di formazione, nonostante molti lo accostino al thriller, “Il cardellino” è un libro che spiazza.
, ,

Come fermare il tempo | Matt Haig

“ C'è un mondo in cui si è vivi e un mondo in cui si è morti. E il passaggio da un mondo all'altro avviene senza clamore, proprio come il sussurro di onde che si infrangono contro scogli lontani. Proprio come ci vuole solo un attimo per morire, ci vuole solo un attimo per vivere”
, ,

La viaggiatrice leggera

Un bagaglio leggero è l’essenziale per visitare luoghi, immergersi, tastarli, assaporarli e raccontarli attraverso un taccuino e una matita.
, ,

I giusti | Jan Brokken

Tutte le cose importanti cominciano all’improvviso e destano sospetto. A volte ci si ritrova di fronte a una scelta impossibile e per decidere si ha solo una frazione di secondo. Pur non sapendo ancora nulla, si ha il presentimento che da ciò possa dipendere il resto della propria vita (…) Jan Zwartendijk sentì squillare il telefono
,

Trilogia di New York | Recensione

"Ci troviamo di fronte a tre racconti quali “Città di vetro”, ”Fantasmi” e “La stanza chiusa”, scritti tra il 1985 e il 1987. Seppur separati, possono essere letti come un’unica storia"